YouTube ha concluso l’esperimento che ha bloccato la possibilità di guardare video in 4K dietro l’abbonamento premium da 11,99 dollari al mese, secondo uno dei suoi account Twitter ufficiali (via 9to5Google). All’inizio del mese, l’azienda ha fatto scalpore quando ha confermato, con una serie di tweet ora cancellati, che alcuni dei suoi utenti facevano parte di un test volto a esplorare “le preferenze della funzione Premium e gli spettatori non-Premium”, chiedendo agli utenti di fornire un feedback sull’idea.

L’idea di dover pagare per accedere a video a risoluzione più elevata ha suscitato un certo dissenso: alcuni utenti l’hanno definita un segno del declino della piattaforma, mentre altri hanno detto che era comprensibile visto il costo dello streaming di contenuti in 4K. L’annuncio di YouTube di aver “completamente disattivato” l’esperimento, riaprendo l’opzione 4K a tutti, è stato anche in risposta a un tweet sprezzante che parlava di un obbligo di abbonamento premium. Non è chiaro quante persone siano state effettivamente limitate a scegliere risoluzioni più elevate quando il test era in vigore.

Lasciate che guardino i video in 4K.

Il fatto che YouTube abbia terminato il test non significa necessariamente che non limiterà mai più il 4K agli abbonati Premium: abbiamo visto esperimenti anche impopolari, come la rimozione dei numeri di antipatia pubblici, che sono stati attuati mesi dopo l’inizio dei test, e il tweet del Team YouTube non dice nulla su ciò che ha imparato dal test. All’inizio di quest’anno, l’amministratore delegato di Google ha avvertito i dipendenti che l’azienda deve essere “più imprenditoriale, lavorando con maggiore urgenza, più attenzione e più fame di quanta ne abbiamo mostrata nei giorni più soleggiati”, e l’ultimo rapporto sui guadagni ha mostrato che la crescita dei ricavi di YouTube è rallentata. In altre parole, sentitevi liberi di tornare a godervi i video in 4K, ma sappiate che potrebbero non esserci per sempre.



Source link