I truffatori di Instagram hanno sviluppato un redditizio racket del “divieto”, secondo un nuovo rapporto da Scheda madre. Per circa $ 60, alcuni truffatori verranno bannati qualunque sia l’account Instagram che scegli, amico o nemico, e spesso i truffatori guadagnano ancora di più sul back-end aiutando gli utenti mirati a riottenere l’accesso ai loro account.

Il processo, secondo le interviste e il materiale esaminato da Scheda madre, implica l’utilizzo di un account verificato per impersonare un obiettivo (nome, foto, biografia) e quindi segnalare l’obiettivo come un imitatore per farlo bandire. Apparentemente, finché il bersaglio ha un essere umano nella sua immagine del profilo, il metodo funziona.

Scheda madre scrive che anche altri utenti con cui hanno parlato sono stati banditi dai loro account per essere stati segnalati per aver violato le politiche di Instagram in materia di suicidio e autolesionismo, un tipo di contenuto che l’azienda ha cercato di diventare ancora più proattivo nell’affrontare negli ultimi anni. Questi divieti potrebbero essere stati causati da una varietà di script che possono inviare spam agli strumenti di segnalazione di Instagram senza raggiungere i limiti dell’app (circa 40 segnalazioni, a quanto pare).

Le attività di vietare le persone sono molto redditizie secondo almeno una delle persone Scheda madre parlato a:

War, l’utente pseudonimo che offre il servizio di ban, ha detto Scheda madre in un messaggio di Telegram che vietare “è praticamente un lavoro a tempo pieno lol”. Hanno affermato di aver guadagnato oltre cinque cifre dalla vendita di divieti di Instagram in meno di un mese.

Il fatto che molte delle aziende che offrono servizi di divieto abbiano anche offerto aiuto per recuperare gli account, a volte per un valore compreso tra $ 3.500 e $ 4.000, probabilmente non fa male. Alcuni utenti hanno notato di aver ricevuto offerte di aiuto per l’account subito dopo che i loro account sono stati disabilitati e che spesso l’account Instagram che li ha segnalati seguiva l’account Instagram che ha offerto aiuto.

Instagram non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento, ma l’azienda ha detto Scheda madre che stava indagando su siti che offrivano servizi di divieto e che gli utenti dovevano segnalare le persone sospettate di essere colpevoli di quel tipo di attività.

Se ritieni che il tuo account sia stato disabilitato o bannato, Instagram offre istruzioni nel suo Centro assistenza su come recuperarlo.



Source link