Sempre rispettoso dei suoi utenti, Facebook ha stabilito che le sue impostazioni sulla privacy avevano bisogno di un po’ di riordino per mantenere le cose chiare e facili da trovare. A tal fine hanno preso le impostazioni delle “impostazioni privacy” e le hanno sparpagliate maliziosamente tra le altre categorie.

“Abbiamo ridisegnato il nostro intero menu delle impostazioni sui dispositivi mobili dall’alto verso il basso per rendere le cose più facili da trovare. Invece di avere impostazioni distribuite su quasi 20 schermi diversi, ora sono accessibili da un unico luogo”, scrive Facebook in un post sul blog che annuncia le modifiche.

Oh, scusa, è del 2018, quando loro centralizzato impostazioni sulla privacy per renderli più facili da trovare. Questo è quello di oggi sul decentrarli in un mucchio di posti diversi.

“Le impostazioni sono ora raggruppate in sei ampie categorie, ciascuna contenente diverse impostazioni correlate: Account, Preferenze, Pubblico e visibilità, Autorizzazioni, Informazioni personali e Standard della community e Politiche legali… Abbiamo separato la categoria Impostazioni privacy e spostato le impostazioni precedentemente contenute al suo interno in altre categorie”.

Nella foto: Facebook che separa le sue impostazioni sulla privacy in nuove categorie.

A quale di queste categorie pensi appartengano le impostazioni sulla privacy? Facebook “li ha rinominati per corrispondere più da vicino ai modelli mentali delle persone”, quindi dovrebbe essere ovvio. Usa il tuo modello mentale.

Se la tua risposta è “tutti, plausibilmente”, congratulazioni, hai capito! Ora, se desideri aggiornare le tue impostazioni sulla privacy, tutto ciò che devi fare è visitare singolarmente tutte queste nuove categorie e sottocategorie. Ognuno di loro potrebbe avere un interruttore cruciale all’interno: è come una caccia al tesoro!

Pagina delle impostazioni di Facebook, dalla più vecchia alla più recente. Quale preferisci? Crediti immagine: TechCrunch

Scherziamo, ma Facebook ha anche reso molto più evidente l’elemento “Controllo privacy” in questo aggiornamento. Questa “revisione guidata” può offrire all’azienda l’opportunità di impiegare modelli oscuri che allontanano gli utenti da scelte di privacy meno desiderabili (per l’azienda), ma certamente passa attraverso molte delle impostazioni più importanti e consente alle persone di cambiarle.

“Siamo fiduciosi che questa nuova pagina delle impostazioni renderà più facile per le persone visitare le loro impostazioni, trovare ciò per cui sono venuti e apportare le modifiche che desiderano”, scrive Facebook. Lo scopriremo tutti in un modo o nell’altro più tardi oggi, quando la riprogettazione sarà disponibile per iOS, Android, Web mobile e FB Lite.

Source link