L’ambiente normativo che circonda le criptovalute si sta spostando negli Stati Uniti, mentre la SEC prende di mira i principali operatori del mondo web3, promettendo di scuotere gli affari come al solito con un’azione aggressiva.

Questa settimana su Chain Reaction abbiamo incontrato David Nage. Nage è un Principal di Arca che supervisiona il suo fondo early stage con un focus primario su blockchain e asset digitali. Nel podcast di questa settimana, abbiamo approfondito una moltitudine di argomenti relativi alle criptovalute che hanno un impatto sul mondo del venture capital web3, tra cui le difficoltà del settore dei giochi blockchain e il rinnovato fervore normativo della SEC dopo la notizia di questa settimana di un’indagine su Coinbase.

È possibile ascoltare l’intervista completa qui sotto.

Nel corso della nostra conversazione, Nage ha osservato che la recente crisi ha già fornito molti insegnamenti agli operatori del settore, ma ha notato che alcuni dei maggiori fallimenti hanno avuto un impatto sproporzionato sugli investitori retail. “Vorrei che come società non dovessimo imparare attraverso il fallimento, ma sembra che in realtà impariamo attraverso il fallimento e questo è il modo in cui cresciamo e prosperiamo”, afferma Nage.

Secondo Nage, mentre le agenzie di regolamentazione spingono per le indagini, molti investitori sperano solo che possano fornire più linee guida e percorsi per le startup, in modo che possano operare entro i confini della legalità, abbracciando le opportunità native della criptovaluta. La mancanza di linee guida ha spinto molte startup sostenute da venture ad aspettare e vedere prima di rilasciare il proprio token, ci dice Nage.

“Molti di questi fondatori capiscono che un token potrebbe fornire un’utilità evidente per distribuire e decentralizzare l’autorità dell’azienda e potrebbe fornire molti incentivi economici positivi per coloro che partecipano, ma senza chiarezza normativa stanno rimandando il tutto a un mandato per un periodo di tempo indefinito”, dice Nage. “Penso quindi che fare chiarezza potrebbe essere davvero utile per le migliaia di fondatori che stanno cercando di innovare in questo spazio”.

Sebbene Nage abbia qualche lamentela sul modo in cui si è sviluppato il panorama normativo, nota anche che le cose si sono mosse più rapidamente di quanto si aspettasse. “Pensare [back] nell’inverno crittografico del 2018 che i senatori avrebbero architettato determinate politiche riguardanti gli asset digitali [today] è solo un salto nel vuoto e la tua mente esplode, è incredibile”.

Potete ascoltare l’intervista di Nage ascoltando il nostro ultimo episodio. Abbonati a Reazione a catena su Apple, Spotify o la vostra piattaforma podcast alternativa preferita per restare al passo con noi ogni settimana.

Source link