La decisione di invertire anni di lavoro sulla moderazione di Twitter manda a monte la promessa iniziale di Musk: creare un consiglio eterogeneo che aiutasse a giudicare le decisioni di moderazione più gravi. Musk ha fatto marcia indietro incolpando “gruppi di attivisti politici/sociali” per la rottura di un presunto “accordo” – un’affermazione che nessuno ha verificato. e che gli inserzionisti negano. Twitter ha trascorso molti anni di duro lavoro per eliminare gli utenti dal servizio, e molti dei divieti che ha emesso sono stati collegati ad abusi orrendi, molestie e disinformazione.

Il sondaggio è stato un successo, con il 72,4% degli intervistati che ha votato “sì” all’eliminazione degli account, su una base di poco più di 3 milioni di voti. È difficile sapere chi ma vale la pena ricordare che Musk ha cercato a lungo di sottrarsi all’acquisto di Twitter, sostenendo che il servizio era pieno di bot e di account non autentici.

Non è ancora chiaro quali account saranno riammessi. Musk ha detto che agli account che hanno “infranto la legge o che si sono impegnati in un’attività di spam eclatante” non sarà concessa “l’amnistia”. Ma fare qualcosa di illegale è un limite estremamente alto per la moderazione, dal momento che la maggior parte delle persone non infrange la legge semplicemente comportandosi male. Persino Musk ha espresso alcuni standard minimi che vanno oltre la violazione della legge, mentre ha trascorso molto tempo a rispondere alle lamentele della destra, ha segnalato la sua opposizione all’idea di far tornare qualcuno come Alex Jones sul suo sito web.

Ciononostante, il ripristino generalizzato della maggior parte degli account sospesi avrà probabilmente conseguenze indesiderate immense e diffuse, in particolare nelle regioni in cui le capacità di moderazione e di rispetto di Twitter sono state sventrate dal nuovo leader dell’azienda.

Elon Musk ha iniziato il suo regno su Twitter dichiarando che “la comicità è legale”. Ora sembra che quasi tutto sia permesso.



Source link