Elon Musk, CEO di Tesla, ha svelato un prototipo di robot umanoide “Optimus” che condivide alcuni software e sensori di intelligenza artificiale con le funzioni di assistenza alla guida Autopilot delle sue auto. All’inizio della presentazione del 2022 AI Day di Tesla, Musk ha riconosciuto che l’anno scorso c’era “un uomo in giacca e cravatta”, ma oggi ha promesso qualcosa di molto più impressionante.

Secondo Musk, questo prototipo può fare molto di più di quello che è stato mostrato dal vivo, ma “la prima volta che ha camminato senza un cavo è stata stasera sul palco”. Musk ha previsto che il prezzo potrebbe essere “probabilmente inferiore a 20.000 dollari”. Ha affermato che la differenza tra il progetto di Tesla e altre “dimostrazioni di robot umanoidi molto impressionanti” è che l’Optimus di Tesla è fatto per la produzione di massa in “milioni” di unità e per essere molto capace. Mentre diceva queste parole, una squadra di operai ha spostato un prototipo non deambulante dal palco dietro di lui.

Il prototipo di robot Tesla “Optimus” all’AI Day 2022
Immagine: Tesla

Inizialmente, le porte posteriori del palcoscenico si sono aperte per rivelare un Optimus decostruito che Tesla chiama “Bumble C”, che ha camminato in avanti e ha fatto una mossa di danza “alza il tetto”. Musk ha ammesso che volevano tenerlo al sicuro, non fare troppe mosse sul palco e farlo “cadere di faccia”. (Meglio evitare un altro incidente con la mazza del Cybertruck, se possibile).

In seguito, l’azienda ha mostrato alcuni filmati in cui il robot svolgeva altri compiti, come raccogliere scatole.

Poi il team di Tesla ha presentato un altro prototipo che mostrava una versione “molto vicina alla produzione” di Optimus con il corpo completamente assemblato ma non del tutto funzionante – era tenuto su un supporto e salutava il pubblico, mostrando la gamma di movimenti del polso e della mano. Musk ha affermato che questa unità (che è stata portata a spasso e alla fine è stata fatta rotolare via da una squadra di operai) contiene ancora gli attuatori, il pacco batterie e tutto il resto, ma “non era ancora pronta a camminare”.

Un prototipo di Optimus

Un prototipo del robot Optimus “prossimo alla produzione” saluta la folla.
Immagine: Tesla

Hanno rivelato che il robot iniziale presentato è stato sviluppato negli ultimi sei mesi. Parlando degli ostacoli che devono affrontare per passare dal prototipo a un progetto funzionante, sperano di “riuscire a farlo nei prossimi mesi… o anni”.

Gli ingegneri sperano di superare ulteriori ostacoli alla progettazione “entro i prossimi mesi… o anni”.

Contiene una batteria da 2,3 kWh, funziona con un SoC Tesla e dispone di connettività Wi-Fi e LTE. Le dimostrazioni si sono concentrate sulle articolazioni del robot, come le mani, i polsi o le ginocchia, mostrando come hanno elaborato i dati per ogni articolazione, quindi hanno cercato le aree comuni in ogni progetto per trovare un metodo che utilizzasse solo sei attuatori diversi. Le mani simili a quelle umane sono un “Biologically Inspired Design” che, secondo gli ingegneri, le renderà più adatte a raccogliere oggetti di varie forme e dimensioni, a tenere una borsa da 20 punti e ad avere una “presa di precisione” su piccole parti.

Il software Autopilot di Tesla è stato trasferito dalle auto al bot e riattrezzato per funzionare nel nuovo corpo e ambiente. Tesla ha catturato il movimento di persone che svolgevano compiti reali come sollevare una scatola e poi, usando la cinematica inversa, ha ripetuto i movimenti usando Optimus. Poi viene applicato un “adattamento del movimento online” per far sì che questi compiti non siano così rigidi e possano essere manipolati per tenere conto di un ambiente non strutturato.

Diapositiva dalla presentazione del Tesla AI day che mostra i componenti del robot Optimus.

Il robot Tesla Optimus è composto da CPU, pacco batterie, attuatori e mani.
Immagine: Tesla

“Sarà una trasformazione fondamentale per la civiltà come la conosciamo”, ha detto Musk. Continua dicendo che Optimus ha il potenziale di “due ordini di grandezza” di miglioramento potenziale della produzione economica.

Musk ha annunciato per la prima volta il “Tesla Bot” in occasione dell’AI Day dello scorso anno, promettendo che sarebbe stato “amichevole” e avrebbe potenzialmente rivoluzionato la catena di montaggio e l’attività di produzione dell’azienda.

Musk aveva avvertito i suoi fan di non aspettarsi che il prototipo assomigliasse al lucido rendering in bianco e nero mostrato per la prima volta all’evento dello scorso anno. Ma il clamore non è mancato: Musk ha definito il robot “il più importante sviluppo di prodotto che stiamo facendo quest’anno” e ha previsto che avrà il potenziale per diventare “più significativo del settore dei veicoli nel tempo”.

Le applicazioni future potrebbero includere la cucina, il giardinaggio o addirittura “partner sessuali “catgirl; Musk ha dichiarato che la produzione potrebbe iniziare già l’anno prossimo.

Nei giorni precedenti l’AI Day, gli esperti di robotica hanno messo in guardia dal credere troppo alle affermazioni di Musk. Hanno fatto notare che altre aziende sono molto più avanti nello sviluppo di robot in grado di camminare, correre e persino saltare, ma nessuna sostiene di essere vicina a sostituire il lavoro umano.

La storia di Tesla è costellata di idee fantasiose che non si sono mai concretizzate, come ad esempio una rete di Supercharger a energia solare, sostituzione della batteria, oppure caricatori robotici tipo serpente – quindi non si sa se un Tesla Bot pronto per la produzione vedrà mai la luce. Ma l’azienda è dove si trova oggi grazie alla pura volontà di Musk. E la rivelazione di una versione prototipo del robot rafforzerà sicuramente le affermazioni di Musk secondo cui Tesla è “la più grande azienda di robotica del mondo”.



Source link