Jeff Bezos si è lanciato ai confini dello spazio martedì mattina con tre compagni di viaggio ed è atterrato in sicurezza nel deserto del Texas a bordo della capsula dell’equipaggio della sua compagnia spaziale. La missione NS-16 ha segnato la prima di Blue Origin a trasportare esseri umani e ha dato il via al servizio commerciale per l’attività di turismo spaziale dell’azienda. Flying Bezos, l’uomo più ricco del mondo che ha fondato Blue Origin nel 2000, ha inviato un segnale ai potenziali turisti spaziali che il razzo suborbitale New Shepard della compagnia è sicuro da pilotare e aperto per gli affari.

Il booster New Shepard, alto sei piani, è decollato martedì alle 21:12 ET dal suo remoto sito di lancio a Van Horn, in Texas, sotto un cielo limpido, con il gommone a forma di goccia della compagnia. RSS Primo passo capsula dell’equipaggio fissata sulla parte superiore. Bezos, suo fratello Mark, la leggenda dell’aviazione Wally Funk e l’adolescente olandese Oliver Daemen – che rappresentava il primo cliente pagante di Blue Origin – erano legati all’interno della capsula. La capsula dell’equipaggio ha accelerato fino a un’altitudine massima di 66 miglia a tre volte la velocità del suono prima di separarsi dal booster. I passeggeri hanno sperimentato una breve sensazione di assenza di gravità e hanno potuto vedere la curvatura della Terra sull’orlo della sua atmosfera.

La missione ha reso Funk, 82 anni, la persona più anziana a raggiungere lo spazio, e Daemen, 18 anni, il più giovane. Bezos ha detto che il lancio nello spazio è stato il suo sogno sin da quando era un bambino. È diventato il secondo miliardario a guidare il proprio razzo nello spazio dopo il fondatore di Virgin Galactic Richard Branson, che ha volato sull’aereo spaziale SpaceShipTwo della sua compagnia l’11 luglio.

Il booster New Shepard è atterrato verticalmente su una piattaforma di cemento a cinque miglia da dove è stato lanciato, chiudendo il terzo raggio nello spazio per quel particolare booster. Prima del volo di martedì, Blue Origin aveva condotto 15 lanci di prova senza equipaggio del suo razzo New Shepard.

La società deve ancora rivelare il prezzo addebitato per ogni posto e ha rifiutato di offrire cifre da stadio. Il più recente volo di prova del razzo ad aprile è stata una missione di “prova degli astronauti”, in cui i dirigenti della compagnia hanno interpretato il ruolo di passeggeri nei momenti precedenti al decollo. “Ogni missione che abbiamo condotto finora ci ha preparato a mettere gli esseri umani a bordo”, ha detto ai giornalisti domenica il direttore di volo NS-16 di Blue Origin, Steve Lanius.

Il sedile del passeggero occupato da Daemen, un neolaureato olandese, era inizialmente riservato al vincitore anonimo di un’asta che Blue Origin ha effettuato a giugno. Quel vincitore ha offerto $ 28 milioni per volare, ma ha riprogrammato per una successiva missione di New Shepard “a causa di conflitti di programmazione”. I portavoce di Blue Origin si sono rifiutati di identificare l’offerente o di espandere i problemi di pianificazione. Il padre di Daemen, fondatore e CEO di una società di private equity olandese, aveva acquistato un posto nella prossima missione di New Shepard in autunno ed è stato invece spinto al primo volo. Ha dato il posto a suo figlio.

Il volo di martedì è stato un successo a lungo cercato per l’azienda in quanto affronta la concorrenza aggressiva di altre aziende spaziali come SpaceX di Elon Musk. Blue Origin aveva lanciato New Glenn, il suo sistema missilistico molto più grande in fase di sviluppo in Florida, all’Air Force per un programma di lancio multimiliardario, ma ha perso contro SpaceX e l’altra sua rivale United Launch Alliance. Ad aprile, la NASA ha respinto Blue Moon, il lander lunare umano proposto dalla compagnia. L’agenzia ha invece optato per il sistema Starship di SpaceX.

Blue Origin lancia New Shepard dalla sua struttura Launch Site One a Van Horn, una remota cittadina nel Texas occidentale a circa 70 miglia dal confine tra Stati Uniti e Messico. La prima iterazione del razzo è iniziata come un concetto più piccolo chiamato Goddard, che ha debuttato nel 2006. New Shepard, lanciato per la prima volta nel 2015 ma si è schiantato durante il tentativo di atterraggio. Tutti gli altri voli hanno avuto successo, dando a Blue Origin la fiducia necessaria per inviare il suo fondatore miliardario nella missione inaugurale con equipaggio del razzo.

“Sappiamo che il veicolo è sicuro. Se il veicolo non è sicuro per me, non è sicuro per nessuno”, ha detto Bezos alla CNN in un’intervista lunedì mattina. Gli ingegneri di Blue Origin hanno condotto alcune valutazioni in tempo reale con alcuni passeggeri dell’NS-16 durante il volo e le revisioni dei dati post-missione forniranno una quantità di dati per informare eventuali modifiche all’esperienza dei passeggeri in futuro. Le lezioni apprese dai voli di New Shepard informeranno gli altri veicoli di Blue Origin, come New Glenn e Blue Moon.

Sviluppando…

Source link