Nel lungo cammino verso l’espansione di una presenza umana permanente nello spazio, una domanda è spesso trascurata: che tipo di umanità stiamo portando con noi?

Visto da questa prospettiva, il benessere dei lavoratori della SpaceX di Elon Musk – oltre al modo in cui l’azienda gestisce le controversie relative alla sua reazione al dissenso – gioca un ruolo significativo nella storia della Space Race 2.0.

E, a quanto pare, venerdì SpaceX ha licenziato almeno cinque lavoratori dopo aver scoperto che avevano redatto e diffuso una lettera che criticava Musk e incoraggiava i dirigenti a chiedere un ambiente di lavoro “più inclusivo”. un primo rapporto di Reuters.

SpaceX non ha risposto ad un IE richiesta di commento.

SpaceX di Elon Musk licenzia cinque dipendenti

Giovedì, Il New York Times segnalato che l’azienda aerospaziale privata di Musk ha licenziato cinque lavoratori che sarebbero stati coinvolti nella lettera, citando altri tre dipendenti che avevano familiarità con i licenziamenti. Ma potrebbero esserci altre persone alla SpaceX senza lavoro in circostanze simili.

In un’e-mail inviata al TimesIl presidente di SpaceX, Gwynne Shotwell, ha dichiarato che l’azienda ha condotto un’indagine e “ha licenziato un certo numero di dipendenti coinvolti” nella lettera di critica a Musk. Nella sua e-mail, Shotwell ha dichiarato che i dipendenti licenziati sono stati licenziati per aver fatto sentire gli altri dipendenti “a disagio, intimiditi e vessati, e/o arrabbiati perché la lettera li ha spinti a firmare qualcosa che non rifletteva le loro opinioni”.

Questo arriva un giorno dopo che Musk ha rivelato ulteriori dettagli su come gestirà la politica di moderazione dei contenuti di Twitter. Giovedì, il miliardario della tecnologia e CEO e fondatore di SpaceX ha dichiarato di essere aperto a un approccio “pratico” che distingua la “libertà di parola” dalla “libertà di raggiungere”.

In risposta a una domanda posta da un dipendente di Twitter, Musk ha affermato che la sua visione della piattaforma di social media consentirebbe alle persone di “dire cose piuttosto oltraggiose nel rispetto della legge”. Ma Musk ha sottolineato che vuole che la piattaforma raggiunga un atteggiamento più snello contro lo spam e i bot, affermando che “deve essere molto più costoso avere un esercito di troll”, secondo quanto riportato da un rapporto di The Verge.

Cosa costituisce un ambiente di lavoro etico nello spazio?

Da un punto di vista legale sui diritti di parola, Musk presumibilmente sosterrebbe la “libertà di parola”. Ma secondo la legge statunitense, questa non copre la diffamazione. Per esempio, se una persona A definisce una persona B un assassino (o un altro tipo di criminale), questo può alterare radicalmente la vita della persona B, potenzialmente per sempre.

E se l’affermazione non è provata, può rivelarsi illegale.

Certo, in quanto barone dello spazio dal valore di centinaia di miliardi, le accuse tipicamente associate al mancato rispetto di standard “inclusivi” potrebbero non colpire Musk tanto quanto, ad esempio, una persona comune che non è ricca.

Ma la lettera circolante di SpaceX, intitolata “una lettera aperta ai dirigenti di SpaceX”, definisce Musk una “distrazione e un imbarazzo” per la più ampia comunità di lavoratori della sua azienda, che generano direttamente la sua ricchezza e il suo successo vendendo il loro lavoro e le loro competenze.

La lettera conteneva anche tre richieste: “SpaceX deve separarsi rapidamente ed esplicitamente dal marchio personale di Elon”, “ritenere tutta la leadership ugualmente responsabile di rendere SpaceX un ottimo posto di lavoro per tutti” e “definire e rispondere in modo uniforme a tutte le forme di comportamento inaccettabile”, secondo quanto riportato nella lettera. Times rapporto.

Nonostante le precedenti dichiarazioni di Shotwell, che ha affermato di voler far rispettare gli standard di “tolleranza zero” di SpaceX contro le molestie dei dipendenti, sembra che ci sia (o ci sia stato) un disaccordo tra almeno alcuni dipendenti e i dirigenti di livello superiore che la dirigono. Non è sempre facile dare giudizi rapidi, ma una cosa è certa: forse stiamo assistendo ai primi accenni di come le persone che lavorano per le aziende aerospaziali nello spazio profondo interagiranno con i loro supervisori sulla Terra. Nel bene e nel male, c’è molto da riflettere su cosa costituisca un ambiente di lavoro etico, quando la posta in gioco – che per Musk consiste nel salvare l’umanità rendendola una specie multiplanetaria – è massima.

Source link