Twitter sta combattendo l’aumento di tweet odiosi dopo l’acquisizione ufficiale della società da parte di Elon Musk, avvenuta venerdì scorso. Yoel Roth, responsabile della sicurezza e dell’integrità della piattaforma, ha dichiarato su Twitter che l’azienda sta agendo contro uno “sforzo organizzato” per diffondere discorsi di odio sulla piattaforma.

Secondo Roth, negli ultimi due giorni un “piccolo numero” di account ha pubblicato una serie di tweet contenenti “insulti e altri termini dispregiativi”, con l’obiettivo di far credere agli utenti che le politiche di Twitter sulla moderazione dei contenuti siano cambiate. Roth afferma che solo 300 account hanno inviato oltre 50.000 tweet utilizzando un “particolare insulto” e che quasi tutti gli account in questione non sono autentici.

Allo stesso modo, l’Istituto di ricerca sul contagio di rete ha pubblicato un tweet che mostra come l’uso della parola N su Twitter sia aumentato di quasi il 500% rispetto alla media precedente, affermando che i recenti post su 4chan “incoraggiano gli utenti ad amplificare gli insulti dispregiativi”. Twitter ha già bannato alcuni degli utenti coinvolti nella campagna e sta intensificando gli sforzi per combattere l’hate speech sulla piattaforma.

Anche se Musk ha dichiarato che non ha apportato alcuna modifica alle politiche di Twitter, alcuni utenti hanno l’impressione che le regole di moderazione dei contenuti della piattaforma diventeranno più indulgenti con Musk al timone. Musk si è precedentemente descritto come un “assolutista della libertà di parola” e ha dichiarato di voler rendere Twitter una “piattaforma di libertà di parola”. Ciò ha suscitato preoccupazione per il modo in cui Twitter intende gestire i discorsi d’odio e la disinformazione, che alcuni utenti hanno già iniziato a diffondere nel tentativo di testare i limiti delle regole della piattaforma.

Poco dopo l’acquisizione di Twitter da parte di Musk, il Stampa associata segnalato un afflusso di personalità conservatrici e utenti di estrema destra che hanno twittato teorie cospirative e parole d’ordine sfatate, come “ivermectina” o “Trump ha vinto”. Nel frattempo, gli account Twitter conservatori appartenenti a persone come Candace Owens, una personalità dei media conservatori, e Kari Lake, una candidata repubblicana nella corsa alla carica di governatore dell’Arizona, hanno visto un insolito aumento dei follower, secondo quanto riportato da Il New York Times.

“Le politiche di Twitter non sono cambiate”, dice Roth. “La condotta odiosa non ha posto qui… Abbiamo preso provvedimenti per bannare gli utenti coinvolti in questa campagna di trolling – e continueremo a lavorare per affrontare la questione nei giorni a venire per rendere Twitter sicuro e accogliente per tutti”.

Tuttavia, sia gli inserzionisti che gli utenti potrebbero avere buone ragioni per essere preoccupati. Domenica Musk ha twittato una teoria cospirativa priva di fondamento su l’attacco a Paul Pelosi, marito della Presidente della Camera Nancy Pelosi. Musk ora cancellato rimandava a una storia falsa di un’agenzia nota per la diffusione di disinformazione e affermava: “C’è una piccola possibilità che questa storia sia più di quanto sembri”.



Source link